d
c

CDG Planet – Controllo di gestione

Definizione

Sistema per la redditività di cliente, il controllo di gestione ed il budget.
Sviluppato da più di dieci anni si è evoluto in modo da garantire la massima efficienza in sede di redditività di cliente e per fornire al cliente finale uno strumento semplice nel suo utilizzo ma estremamente potente nella sua flessibilità.

Caratteristiche del sistema

Orm è un applicativo “Client/Server”
Presenta di default un’utenza di tipo “amministratore” che abilita all’utilizzo del sistema. Si possono definire diverse tipologie di utenti a seconda dei profili.
Più di un utente può essere collegato “attivamente” ed in contemporanea all’applicativo (multi-user)
I dati di input e gli Archivi risiedono sul server di Planet
La gestione degli ambienti è fatta in collaborazione tra l’utente e gestore del sistema (i.e. utente amministratore del server)
Esistono elaborazioni “Sincrone” e “Asincrone”. Quest’ultime sono totalmente a carico del server lasciando il PC client “libero” Le elaborazioni Asincrone (processi in modalità batch) sono pianificabili dall’utente mediante uno schedulatore
Gli utenti possono eseguire elaborazioni compatibili fra loro contemporaneamente (gestione della concorrenza alle risorse condivise mediante semafori)
La gestione dei semafori, delle sessioni in stand-by e delle cartelle temporanee è a carico dell’utente amministratore di Planet
Backup : la copia dei file (non zippati) viene effettuata in una cartella predefinita dal sistema, il cui indirizzo è contenuto in una tabella del DB di Planet (TS10_Backup)

I modelli e le formule

Attraverso la funzione dei modelli il dato viene elaborato secondo regole definite dal cliente. I modelli di base vengono forniti con il sistema ma rimangono personalizzabili dal cliente finale.
I modelli vengono sviluppati con fogli di calcolo che vengono “tradotti” dal sistema in modelli interni per le elaborazioni sia di redditività che di UO.
Sono il motore di trattamento dei dati di ingresso al Sistema;
Si interfacciano come foglio Excel modificabile autonomamente dal gestore (utente);
Sono sia per Rapporto/Forma Tecnica (Redditività) che per Conto (CdG);
Sono interattivi, si può immediatamente verificare la correttezza delle formule inserendo manualmente dei valori al posto dei dati che si prevedono in input;
E’ possibile suddividere una Forma Tecnica di input in diversi Prodotti che ne identificano la situazione reale (per es.: la Forma Tecnica Conti Correnti può essere suddivisa nei prodotti Conti correnti dare, Conti correnti avere, Conti correnti sconfino, Conti correnti sbf);
E’ possibile registrare, modificare o persino scartare le Voci in input, crearne di nuove, impostare collegamenti fra Voci e Prodotti;
E’ possibile registrare un dato solo in Archivio Redditività, solo in Archivio CdG o su entrambi gli archivi;
Per la registrazione CdG i dati vengono sommati secondo la chiave Abi/UO/Conto/Divisa/Voce;
E’ possibile aggregare i dati per CdG secondo una chiave diversa da quella precedentemente indicata, utilizzando le Contropartite; es: Abi/uo/PROMOTORE/Conto/Divisa/Voce.
Le Formule per l’esecuzione dei calcoli devono essere espresse secondo le convenzioni del Foglio Elettronico in uso;
Sono ammesse le seguenti dichiarazioni:
aritmetica con i quattro Operatori + , – , * , /;
funzioni IF con Operandi costituiti solo da Nomi o Costanti; le IF devono essere semplici ( es. SE A = B;C;D dove A,B,C e D sono voci o valori definiti; non possono essere formule );
elevamento a potenza;
differenza tra date formato AAAAMMGG; operazioni di sottrazione tra due voci definite come data, danno come risultato il numero di giorni intercorrente;
esistono alcune voci particolari che consentono di ottenere di una data, separatamente, il giorno, il mese e l’anno per poter eseguire operazioni di differenza tra date.
Una formula può essere lunga al massimo 90 caratteri.
Si possono utilizzare all’interno del Modello:
Parametri contenuti nella tabella T0001 (Costanti di Sistema);
Valori standard contenuti nella Tabella T0022 (Standard per servizi e processi);
Tassi Interni di Trasferimento per Divise diverse (Tabella T0004);
Valori “impliciti” del sistema (Giorni del periodo, Giorni dell’anno).
In un sistema di calcolo del Margine di Contribuzione impostato sui TIT multipli per scadenza e per Forma Tecnica, si ha la necessità di attribuire ad ogni singolo rapporto il proprio TIT.
PLANET permette di ottenere, all’interno dei Modelli, il TIT corretto del rapporto in base alla durata di quest’ultimo.
Tramite l’utilizzo di FUNZIONI di sistema, PLANET ricerca, in una curva di tassi predefiniti, il valore del TIT più idoneo al rapporto.

Le tabelle

Aram fornisce le tabelle di base ampliabili e personalizzabili dal cliente.
Le tabelle adempiono a queste fondamentali funzioni:
Elencare i Codici ammessi per Entità, Attributi, Voci;
Fornire la descrizione in due lingue diverse dei Codici;
Illustrare le Relazioni fra Codici e quindi le Strutture che ne derivano. Le Strutture sono utilizzate soprattutto dal sistema di Reporting;
Fornire Parametri utilizzati dalle formule di calcolo.
Si interfacciano come foglio Excel modificabile autonomamente dal gestore (utente);
Si possono creare, tramite i Padri, strutture gerarchiche a più livelli. Non c‘è limite al numero dei livelli che intercorrono fra un capostipite ed i livelli elementari;
Un Codice Elementare può essere legato a Padri diversi (diversi alberi gerarchici);
La doppia descrizione del codice è utilizzabile nella reportistica. In tal modo è possibile, ad esempio, produrre report in italiano e in inglese).

Reporting

Il sistema Planet contiene un sistema di reporting sofisticato e in grado di estrarre e visualizzare in modo estremamente personale i dati degli archivi.
Il sistema è dotato di una funzione, “Easy Report”, che consente di organizzare in prospetti, secondo le necessità dell’utente, le informazioni contenute negli archivi Analisi di Redditività per Cliente e per Unità Organizzativa.
I dati possono essere:
estratti in modo selettivo
aggregati
disposti nei prospetti
sottoposti ad ulteriori calcoli
stampati
visualizzati tramite Excel

Tipologie di report

Abbiamo varie tipologie di report:
Report di Controllo di Gestione (Unità Organizzative, Area, ecc..).
Report Lista
Report Lista con Subtotali e Raggruppa Struttura
Report con Ordinamento di U.O. Tipologia di redazione del modulo che permette di far atterrare sul Report le Unità Organizzative nell’ordine in cui si desidera (ad es. ordine alfabetico).
Report di allocazione Report che permettono di generare dati nell’archivio di Controllo di Gestione. Vengono generalmente utilizzati per la Ripartizione e i Ribaltamenti dei Costi.
Report di Riclassificazione attributi Report che modifica in modo dinamico il contenuto di alcuni campi dell’Archivio Redditività convenzionalmente denominati Attributi di Rapporto e Attributi di Controparte.
Report Analisi di Distribuzione Report di tipo “Tabella a doppia entrata” che può essere utilizzato per generare grafici che meglio evidenziano il fenomeno da analizzare (es: dispersione del numero dei clienti per classi di masse finanziarie).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

PROVA

CHIUDI

Nel continuare a navigare in questo sito accetti l'utilizzo dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi